Che non sia un buon momento lo sappiamo, l’abbiamo scritto anche in passato e non è nostro intento rigirare il dito nella piaga. Il 2017 del Basket Agropoli è stato probabilmente l’anno peggiore per la storia del club. Partiti a Gennaio dalla Serie A, con ancora qualche chance di salvezza, i delfini si ritrovano a dicembre l’ultimi in classifica i Serie D. Un triplo salto di categoria da brividi che dà via libera al più retorico “dalle stelle alle stalle”. Alla situazione di classifica si aggiunge anche la notizia di Giulio Russo, inibito fino al 5 marzo per aver rinunciato al campionato under 18 elite. In totale, nell’anno solare, abbiamo avuto 15 gare di A2 e 11 di Serie D. Per un totale di 24 sconfitte e 2 vittorie, le partite vinte sono arrivate proprio in A2 contro Siena (battuta anche all’andata) e contro Latina. Per il resto l’anno si è concluso mercoledì sera con la sconfitta contro Torre del Greco del PalaDiConcilio dopo undici ko consecutivi.

01 15/10 BASKET AGROPOLI-Forio Basket 60-73
02 22/10 S. Giorgio Cercola-BASKET AGROPOLI 73-55
03 29/10 BASKET AGROPOLI-S. Maria a Vico 45-77
04 05/11 BASKET AGROPOLI-Koinè S. Nicola La Strada 38-101
05 08/11 Pall. Trinità Sala C.-BASKET AGROPOLI 86-54
06 12/11 BASKET AGROPOLI-Felix Napoli 46-56
07 18/11 Irpinia Avellino-BASKET AGROPOLI 96-42
08 26/11 BASKET AGROPOLI-Basket Volla 39-99
09 03/12 Cangiani Napoli-BASKET AGROPOLI 113-29
10 09/12 Afragola-BASKET AGROPOLI 96-46
11 13/12 BASKET AGROPOLI-Torregreco 47-60

La speranza, adesso, è che qualche situazione possa sistemarsi e che le cose tornino a girare per il meglio. Dopo una anno con appena due vittorie difficilmente si può fare peggio. Sappiamo benissimo che Giulio e famiglia stanno facendo tutto il possibile per mantenere viva la società, il settore giovanile ad esempio va benissimo e raccoglie sempre risultati positivi. Anche un buona parte del pubblico è rimasta legata alle sorti della squadra e continua ad andare al palazzetto nonostante il punteggio sia scritto in partenza, da questo e da altro si può ripartire. Pazienza se non ci sono più mille persone la domenica, tanto 900 di loro non capivano nemmeno le regole, agli agropolesi piace salire sul carro e con la Polisportiva l’hanno fatto in grande stile.