L’Agropoli cerca conferme in trasferta a Sant’Agnello

Russo in azione (Ph: Carol Violante)

Dopo un momento negativo, l’Agropoli ha saputo reagire alla grande con due vittorie consecutive tra campionato e Coppa Italia. Domenica i “delfini” saranno impegnati in una gara che potrebbe sembrare semplice ma che in realtà nasconde tante insidie. Domenica 2 Dicembre ore 14:30 l’Agropoli scenderà in campo (a porte chiuse) in casa del Sant’Agnello, squadra in lotta per la salvezza e che finora non ha mai dato l’impressione di poter scendere in zona playout. Per l’occasione entrambe le squadre non avranno squalificati tranne l’allenatore del Sant’Agnello il quale dovrà scontare una squalifica fino al 12 Dicembre. Come dichiarato anche dall’allenatore dell’Agropoli Esposito, la squadra sta finalmente crescendo sotto l’aspetto tecnico e mentale e ciò fa ben sperare, inoltre la settimana prossima (in occasione della riapertura del calciomercato) dovrebbero aggregarsi alla squadra anche altri elementi di spessore capaci di aumentare il livello tecnico della rosa. Per quanto concerne gli infortunati non saranno disponibili il portiere Capone e il difensore Maggio mentre sarà probabile il ritorno del centrocampista Selvaggio infortunatosi durante Agropoli-Battipagliese. La partita sarà diretta dall’arbitro Michele Criscuolo di Torre del Greco coadiuvato dagli assistenti Di Meglio e Pollaro di Napoli.

 

Giovanni Serrapica (allenatore Sant’Agnello)

Il Sant’Agnello non è di certo la squadra “materasso” dello scorso anno. Dopo essere stata ripescata in Eccellenza, il presidente Negri ha allestito una squadra di tutto rispetto per cercare di ottenere la salvezza in anticipo. Allenatore della compagine costiera: Giovanni Serrapica che finora è riuscito a tenere la squadra ben lontana dai bassifondi della classifica. Il Sant’Agnello è la squadra che ha conquistato più pareggi di tutte, frutto di una difesa solida e capace di fermare anche le prime della classe come ad esempio il San Tommaso che domenica scorsa ha impattato 1-1 in casa. In 12 partite giocate il Sant’Agnello ha conquistato 14 punti grazie a 2 vittorie, 8 pareggi e 2 sconfitte. La media dei gol segnati lascia un pochino a desiderare (11 gol), mentre quella dei gol subiti è nettamente più significativa (10 gol) in quanto il Sant’Agnello risulta essere attualmente la terza miglior difesa del girone. Per cercare di centrare la salvezza, il Sant’Agnello si è affidato ad un mix di giovani di valore affiancati da alcuni elementi d’esperienza capaci di ottenere i risultati conseguiti finora. I calciatori più pericolosi sono tra gli altri: Mosca, Fiorentino, Di Donna, Liguori, Strianese e tanti altri determinati a fare bene.

 

Francesco Nettuno

giornalista innamorato di Agropoli e dell'Agropoli

Rispondi